La pro loco vende….solidarietà ai mercatini di Natale!

La pro loco vende….solidarietà ai mercatini di Natale!

275
0
SHARE

Si è svolta sabato 8 dicembre  e domenica 9, l’attesa iniziativa I mercatini di Natale, nella splendida location dell’istituto Sacro Cuore di  Mugnano di Napoli, organizzata dall’associazione VEGS Cenacolo Eucaristico unitamente alle suore Vittime Espiatrici di Gesù Sacramentato. Vengono esposti oggetti realizzati a mano dalle volontarie dalle operose suore, tra cui gadget natalizi, filati, ricami, oggettistica realizzata con beni riciclati. L’evento è stato ripreso dalle telecamere della emittente televisiva  CampaniaFelixTV (210, 613 e 694 DGT, 5694 SKY) e sarà trasmesso  nei prossimi giorni. È stato lo stesso neo direttore dell’emittente Armando De Rosa a seguire, in un lungo reportage, la manifestazione. Accompagnato da Madre Carla, madre generale della congregazione V.E.G.S., durante la visita al presepe, unico  per la tipicità dei pastori, realizzati di fratelli Capuano di San Gregorio Armeno, che rappresentano, in parte la storia del glorioso istituto a nord di Napoli. Ad accogliere, all’entrata dei mercatini, i bambini e le tante persone un “gigante” babbo natale, di nome Antonio, che ha annunciato ai microfoni della tv: “Pronto a partire per il Burkina Faso  insieme agli altri soci dell’associazioni e alle suore per il paese africano”, come da anni fanno, per essere vicini ai bambini meno fortunati, portando l’intero ricavato dei mercatini, per aiutare a costruire un pozzo, in quel luogo che manca di tutto ed è l’acqua che aiuterà quei bimbi, a crescere sani o quanto meno ad avere una qualità della vita migliore. Precisamente nel gennaio del 2017 è stato inaugurato nuovo istituto, i cui lavori erano stati già ultimanti nel luglio del 2016, costruito nella diocesi di Tenkodogo e gestito da cinque suore Sacramentine inviate in loco in missione. Ad oggi le suore sono oramai impegnate nella scuola, nella chiesa, nella diocesi ed offrono un concreto contributo alla popolazione supportate dalle iniziative benefiche organizzate dal gruppo V.E.G.S.. Un altro significativo spaccato della due giorni è stato, certamente l’esibizione dei ragazzi della classe quinta elementare, preparati dalla insegnante, nonché attrice e cantante, Flora Ciccarelli, che hanno ballato al ritmo della tammorra in omaggio al musicista Enzo Avitabile. Lungo il racconto ai microfoni della emittente televisiva non poteva mancare lei, la promotrice e vera anima di questa azione benefica che va avanti da anni, l’avvocato Rita Mauriello, che in una lunga intervista ha sottolineato quanto sia fondamentale fare rete specialmente quando si fa del bene,  ha poi colto l’occasione per salutare e ringraziare la collega e amica di sempre, l’avvocato Teresa  De Rosa; presente all’evento con i figli, il marito e alcuni amici, grazie alla quale, è importante sottolineare, va avanti da un anno l’iniziativa “un farmaco per tutti”, iniziativa con la quale si riesce a far arrivare ai villaggi più poveri, proprio come quelli nel Burkina Faso, dei medicinali fondamentali per la sopravvivenza.

IL PROGETTO PIÙ GRANDE…… Resta quello della istallazione dei pannelli fotovoltaici che consentirebbe alla popolazione della diocesi di poter usufruire anche della luce, utilizzando la fonte primaria di energia dell’Africa: IL SOLE! Se si riuscisse a dotare questa terra di acqua e luce si potrebbe garantire sviluppo e progresso. Tanto certamente ridurrebbe il fenomeno della immigrazione, il problema della mortalità infantile, della fame e della mancanza di istruzione. Si potrebbe donare una vita dignitosa ad un popolo che, nonostante la povertà ed il degrado, continua a sorridere, a cantare, a pregare ed a sperare in un futuro migliore. Tramite acqua e luce si potrebbe fornire ad un intero popolo la possibilità di rimanere nella propria terra, vivere delle proprie tradizioni e della propria cultura. Si potrebbe fornire loro la possibilità di coltivare i loro campi; la possibilità di costruire case al posto delle capanne; di realizzare fabbriche per creare posti di lavoro; si potrebbero costruire infrastrutture e quanto necessario per emergere dalla desolazione. Quando la solidarietà non ha confini si possono ottenere grandi risultati, e se un gruppo di volontari e di suore è riuscito a realizzare delle opere necessarie in così poco tempo e solo grazie ad iniziative benefiche quanto si potrebbe realizzare con l’apporto di tutti! Basta un semplice gesto per donare un sorriso. Insieme si può!

 

GUARDA ALTRE FOTO:

LEAVE A REPLY