Umanità, altruismo e senso di comunità: un brano per gli eroi del...

Umanità, altruismo e senso di comunità: un brano per gli eroi del Covid-19

262
0
SHARE

Un pianoforte, una fisarmonica e tanta solidarietà, sono questi i semplici strumenti che sono serviti ad alcuni artisti di Villaricca per intonare un vero e proprio inno-preghiera a tutti gli eroi di questa grande battaglia contro il Covid-19. In un clima nuovo, quello della quarantena forzata, in cui solo attraverso i telegiornali possiamo apprendere cosa stia accadendo fuori dalle nostre mura domestiche, è sbocciato un fiore, uno dei più belli e maestosi, perché è un fiore che si nutre di umanità e solidarietà. Un fiore, nel dolore di questi giorni, che è rappresentato da un brano dolce, passionale e allo stesso tempo struggente; un progetto nato tra le mura domestiche, scritto e musicato da Crescenzo De Stasio ed interpretato dalla moglie Angela Panico, che si avvale della collaborazione dell’amico d’infanzia Valerio Vaccaro e dei maestri Massimo Capocotta e Raffaele Cardone dell’Associazione musicale Illimitarte di Villaricca. Un brano che racconta la durezza e il sapore aspro che la vita ha assunto in questo periodo. La difficoltà di chi è in ospedale e lotta contro il Coronavirus per riprendersi la propria vita. La difficoltà di chi aiuta i malati sacrificando la propria stessa vita, rischiando la propria incolumità e quella dei propri cari. Ma anche la difficoltà di chi è in quarantena e non vive più ma sopravvive. Angela Panico e Crescenzo De Stasio sono due artisti di Villaricca che da sempre hanno collaborato con la Pro Loco in qualsiasi tipo di iniziativa rivolta al prossimo, al bene della comunità. In questo clima di angoscia e instabilità portato dalla straziante situazione in cui ci ha ridotto il virus, la Pro Loco di Villaricca si unisce a questa preghiera ed è lieta di pubblicare e diffondere questo brano che rappresenta un invito a fare del bene al prossimo. Lo stesso Crescenzo De Stasio e la moglie Angela Panico, hanno indetto, a tal proposito, una raccolta fondi per il reparto di terapie intensive dell’Ospedale Cotugno di Napoli. In una situazione del genere, in cui ci sentiamo immobilizzati e impossibilitati ad agire, possiamo invece fare tanto, perché un piccolo gesto e una piccola somma, possono significare tantissimo per una comunità in emergenza. Ora più che mai c’è bisogno di aiuto. Aiutiamo la nostra sanità messa a dura prova dall’emergenza Covid-19. Un piccolo gesto che fa la differenza, perché uniti si vince.

Di seguito il link che permette a tutti di fare una donazione tramite la piattaforma “gofundme”: https://www.gofundme.com/f/covid19-ospedale-cotugno?utm_source=customer&utm_medium=copy_link&utm_campaign=p_cf+share-flow-1

Qui è possibile leggere il testo del brano, un testo colmo di amore, sofferenza e speranza. Una preghiera e allo stesso tempo un messaggio da parte degli autori, dei musicisti e della Pro Loco di Villaricca, con l’auspicio che nessuno si senta abbandonato, per dimostrare che proprio in momenti come questi la comunità villaricchese c’è, che è salda e altruista, riunita dagli ideali che da sempre ne hanno fatto un grande paese:

S.O.S. (PREGHIERA DI UN INFERMIERE) – AGLI EROI DEL COVID-19

Mane cunsumate, uocchje stanchi e ‘nfuse, guardo fisso ‘o cielo è n’inferno ca’ nun tene scuse. N’ato juorno ancora, tengo cchiù paura, quanne torno ‘a casa mmanco cchiù n’abbraccio d’’e creature… …E se stancato ‘o core, e nun ce sta’ calore, troppa ggente se ne va zitte zitte senza manco nu ciore.. E’ comme dint’’a nu suonno, è amaro stu silenzio, scetato ‘a ‘na sirena ca te avvisa ca nun è fernuta ancora… Pregano sti guante, cercano ragione, nu core s’è fermato e l’anema nun se n’è accorta ancora; facce senza viso, cuorpe stanco e acciso, cresceno ‘e ddistanze e ‘a vocca perde ‘o senso ‘e nu sorriso… ….E se stancato ‘o core, e nun ce sta calore, troppa ggente se ne va zitte zitte senza manco nu ciore.. E’ comme dint’’a nu suonno, è amaro stu silenzio, scetato ‘a ‘na sirena ca te avvisa ca nun è fernuta ancora… E se stancato ‘o core, e penso ‘a tte Marì, cu st’ammore che chiagne pe’ sti figlie, ca te corrono ‘a abbraccià E’ comme dint’a ‘nu suonno, tu può fermà ‘o silenzio, tienece astritte ‘mpietto a tte, mo’ ca sta vita nostra nun tene cchiù senso.

 

 

 

LEAVE A REPLY