SERGIO BRUNI, UNA SCUOLA AVRA’ IL SUO NOME

SERGIO BRUNI, UNA SCUOLA AVRA’ IL SUO NOME

327
0
SHARE

Partecipata ed emozionante cerimonia di intitolazione del plesso della Scuola Secondaria in via Amendola, a Villaricca

A Villaricca da oggi, c’è la Scuola “Sergio Bruni”. “Ada Negri” cede il passo ad un musicista conosciuto nel mondo intero e nato proprio a Villaricca, cittadina che finalmente rende omaggio alla sua musica ed ai versi delle sue canzoni, intitolandogli un luogo di cultura. Il plesso della Scuola Secondaria di I grado “Ada Negri” in via Amendola, è stato intitolato al Maestro Bruni, in una partecipata ed emozionate cerimonia a cui hanno preso parte, una rappresentanza di alunni, la dirigente scolastica, Caterina Pennacchio, il presidente della Pro Loco, Armando De Rosa, il comandante della Stazione dei Carabinieri, maresciallo Salvatore Salvati, don Gaetano Bianco parroco della Parrocchia Santa Maria dell’Arco, Mimmo Angrisano, ultimo allievo di Bruni, che ne ha raccolto in un certo senso l’eredità musicale e il maestro Lello Cardone, musicista oltre che studioso della musica di Sergio Bruni.  Anche se distante fisicamente, ma presente in una videotelefonata, all’incontro ha preso parte anche Adriana Bruni, figlia del Maestro, appassionata cantante delle canzoni del papà, il cui ricordo mantiene vivo proprio nei concerti e nelle tournée. L’iniziativa di intitolazione, con l’apposizione della targa recante il nome di Sergio Bruni, cantante e musicistaè stata promossa  Scuola  e dalla Pro Loco e si ascrive nei festeggiamenti e nelle iniziative in programma per il centenario della nascita del maestro Bruni che ricorre quest’anno. E’ stata proprio la preside a ricordare nel suo intervento che l’idea Le era venuto assistendo ad un concerto  di Mimmo Angrisano in onore del Maestro nel dicembre   2018 nella Parrocchia Santa Maria dell’ Arco,manifestazioni riprese, poi, nel 2019 con il titolo proprio “Aspettando il 2021” anche grazie alla al contributo della città metropolitana e poi la convenzione con il Boccioni – Palizzi che in piena pandemia hanno visto coinvolti in  ben tre incontri il live  gli alunni guidati dalla docente Chiara Mallozzi  nel progetto PCTO, poi la presentazione del libro ricerca Il cantore di Villaricca presentato in anteprima  a Palazzo reale  in Napoli Citta del libro. Oggi, in definitiva, una mattinata all’insegna della condivisione dei ricordi comuni,  intorno al nome di Sergio Bruni, il cantore di Villaricca. La stessa Dirigente scolastica ha avuto modo di condividere con la platea, il forte legame familiare e quanto lei stessa sia sempre stata legata alla figura del Maestro. Lo stesso ha fatto don GaetanoBianco , il cui papà era il compagno di banco di Bruni. Al Presidente della Pro Loco, nonché vice presidente del comitato  scientifico per la salvaguardia e la valorizzazione de patrimonio linguistico napoletana, il compito di illustrare la figura del Maestro Sergio Bruni, che insieme al poeta Salvatore Palomba ha lasciato in dono ai napoletani ed al mondo intero, dei veri tesori immortali negli anni. Tante canzoni hanno  varcato i confini di Villaricca prima e di Napoli poi, per essere canticchiate in tutto i mondo. Della dimensione “globale” di Sergio Bruni, ne ha parlato il musicista Lello Cardone, raccontando dell’ultima esperienza in una tournée a Durazzo, dove adulti e bambini cantavano in napoletano le canzoni di Bruni.

Tutti i presenti e i ragazzi hanno poi, assistito ad un video-testimonianza delle attività svolte nel corso degli anni in modo da non perdere le tracce di quanto costruito intorno al Cantore di Villaricca. E’ stata l’occasione per ripercorrere le tappe del “Premio Villaricca Sergio Bruni – La Canzone Napoletana nelle Scuole”,  dal 2003 ad oggi. Al musicista Lello Cardone ed al cantante Mimmo Angrisano il compito di chiudere l’incontro facendo ascoltare ai partecipanti all’incontro, due brani: Che lle contoe “Carmela”, uno dei cavalli di battaglia del maestro Bruni, che l’ha musicata su versi di Salvatore Palomba. I festeggiamenti per i 100 anni di Sergio Bruni continueranno con altri importanti appuntamenti, anche con spettacoli trasmessi dalla Rai Tanti, poi, anche i progetti in cantiere, per i giovani di Villaricca, di Napoli e della regione Campania che vanno educati a scoprire il territorio salvaguardando le sue eccellenze attraverso le quali si può fare rete, crescere in cultura e cittadinanza riappropriandosi di un’identità, che spesso si tende a dimenticare.

LEAVE A REPLY