Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico: all’Unpli il premio Paestum “Mario Napoli”

Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico: all’Unpli il premio Paestum “Mario Napoli”

187
0
SHARE

L’Unione Nazionale Pro Loco d’Italia è stata insignita del premio Paestum “Mario Napoli” assegnato dalla “Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico” che si è svolta dal 14 al 17 novembre  a Paestum. Il riconoscimento è stato ritirato dal presidente dell’Unpli, il siciliano Antonino La Spina. La “Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico” promuovere i siti e le destinazioni di richiamo archeologico, favorisce la commercializzazione, contribuisce alla destagionalizzazione e a incrementare le opportunità economiche. La manifestazione conta 100 espositori, di cui 25 da Paesi esteri, ed è sede del più grande salone espositivo al mondo dedicato al patrimonio archeologico. Il premio è stato assegnato “quale riconoscimento per l’impegno che esercita attraverso le 6.300 Pro Loco iscritte, in rappresentanza dei 600.000 soci volontari, a favore della promozione delle destinazioni e della valorizzazione dei prodotti e delle bellezze del territorio”. La consegna del premio è avvenuta a conclusione del convegno dal titolo “Comunità locali e patrimoni immateriali: la rete delle Pro Loco in ambito Unesco” organizzato dall’Unpli e che ha visto intervenire illustri relatori quali, Fernando Tomasello, resp. dipartimento Cultura e paesaggio Unpli, Pietro Guerra, consigliere nazionale Unpli, Leandro Ventura, direttore Istituto Centrale per la Demoetnoantropologia; hanno relazionato anche Gabriele Desiderio, coordinamento progetti UNPLI, Valentina Zingari, Facilitatore convenzione UNESCO per la salvaguardia del patrimonio immateriale, e Vincenzo Capuano, resp. “Associazione Sant’Antuono e le battuglie di pastellessa”.

Un importante incontro quello di Domenica 17 Novembre che ha visto la partecipazione di diversi presidenti di pro loco operanti su tutto il territorio campano, si è parlato di nuovi progetti per il futuro che devono necessariamente partire dal cuore della nostra terra, dalle nostre tradizioni e dai nostri giovani. Ai nostri microfoni si è parlato di beni materiali come può essere il patrimonio archeologico ma soprattutto di beni immateriali, a tal proposito il dottor armando de rosa, presidente della Pro Loco di Villaricca, nonché direttore di Campaniafelix.tv ha ricordato l’impegno che porta avanti da anni nella valorizzazione della musica classica napoletana con il genius loci di Villaricca Sergio bruni, un simbolo per il capoluogo della campania che ha portato la napoletanità in tutto il mondo. L’auspicio è quello di fare comunità attraverso la foltissima rete delle pro loco operanti sui territori affinchè anche la canzone classica napoletana goda di quel sostegno e di quella valorizzazione che rendono l’Italia intera una delle più importanti capitali culturali mondiali.

 

 

 

LEAVE A REPLY